Categoria: BLOG

I manganelli del premier commissariano Napoli

I manganelli del premier commissariano Napoli

cariche-napoli-2
Le manganellate di ieri a Napoli durante la contestazione al premier Matteo Renzi, le hanno prese gli attivisti e la consigliera comunale Eleonora de Majo, ma sono tanto materialmente che simbolicamente inferte alla città, al sindaco, alle sue istituzioni democraticamente elette, alla sua ambizione di autonomia.

Il segnale è chiarissimo: Napoli va governata attraverso Continua a leggere...

Leggi tutto
BREXIT/ La nostra Europa costava 5000 lire, prima della generazione Erasmus

BREXIT/ La nostra Europa costava 5000 lire, prima della generazione Erasmus

london 80s

Nella prima metà degli anni ottanta del secolo scorso, il viaggio iniziava a Fuorigrotta, Napoli Ovest, in un’agenzia di viaggio a viale Augusto. Facevi un Bige-Transalpino tratta Como – Lugano che costava 5000 lire, raccontando al tizio che viaggiavi in autostop ma preferivi attraversare il confine senza intoppi. Poi passavi in merceria e compravi Continua a leggere...

Leggi tutto

Perché voto de Magistris, perché non è una delega in bianco

dema

Sono di sinistra, da sempre. Meridionalista da quando ho messo piede per la prima volta nei Paesi Baschi. Favorevole alle unioni civili perché indifferente al sesso di una persona o di una coppia. Contrario all’occupazione della Palestina, pur condannando aspramente l’antisemitismo. Sono dalla parte dei Sud del mondo, includendo in questa categoria le classi popolari di ogni Paese. Continua a leggere...

Leggi tutto
Meglio morire boss a vent’anni

Meglio morire boss a vent’anni

pistola 2

Sono nato a Napoli Nord.
Mio padre faceva l’operaio metalmeccanico e mio nonno pure.
Sembra un dettaglio.
Non lo era.
Nei nostri quartieri c’era una sottile linea che divideva i destini di noi bambini.
Se eravamo figli di operai, piccoli commercianti, impiegati, andavamo a scuola e le nostre famiglie erano particolarmente attente che prendessimo almeno Continua a leggere...

Leggi tutto
È muort ‘o Rre evviva ‘o Rre, ma tu eri un Re senza corona

È muort ‘o Rre evviva ‘o Rre, ma tu eri un Re senza corona

pino daniele

Quando un anno fa sei morto, io ho reagito con lo stupore che si riserva alla scomparsa di qualcosa che è sempre esista. No, anzi. Non eri sempre esistito, perché la prima volta che ho sentito una tua canzone era Je so pazzo, come sottofondo di un servizio della Rai. La scena che mi è rimasta impressa era girata dall’interno di una macchina che percorreva Continua a leggere...

Leggi tutto
Roberto Saviano, la camorra dei bambini e la rivoluzione meridionale

Roberto Saviano, la camorra dei bambini e la rivoluzione meridionale

genny vive sanità

Padre Zanotelli, lo storico prete del quartiere Sanità, dice che «qui lo Stato è assente», a proposito della mattanza di ragazzini in corso in questi mesi a Napoli. In realtà, nei quartieri popolari della mia città lo Stato c’è quasi esclusivamente in divisa. Non è una novità, siamo abituati. Forse solo a Città del Messico ho visto più poliziotti che a casa mia. Alfano ne Continua a leggere...

Leggi tutto
A trenta miglia di mare

A trenta miglia di mare

a trenta miglia di mare

«Aiutiamoli a casa loro,» dice il prete riferito ai migranti durante l’omelia, mentre uno scagnozzo raccoglie le offerte dei fedeli. Pensa alla bottega, il don, col fruscio delle banconote e il tintinnio delle monete nel cesto in sottofondo. Anche oggi, è un intenso profumo di incenso ad avvolgere il lavoro di fiancheggiamento ideologico che accompagna da sempre la razzia coloniale.
Continua a leggere...

Leggi tutto
Djarah non va a Londra

Djarah non va a Londra

Carta-didentità

«Sei mai stata a Londra?». Parte tutto da questa domanda di cui comprendo la stupidità un attimo dopo averla formulata, quando risponde ridendo: «Ho la cittadinanza ghanese, 




ma arò m’avvio?». Dice proprio così, alternando il napoletano all’italiano. Perché Djarah è nata a Santa Maria Capua Vetere, in provincia di Caserta, cresciuta a Castelvolturno, di assidue Continua a leggere...

Leggi tutto
Immigrants ate my country

Immigrants ate my country

italiano medio

In the beginning were the terroni (southerners), scroungers and ruin of the nation. Then it was the turn of the Chinese, but the Chinese had money, opened businesses, and kept to themselves; they were too powerful to take on with some reasonable chance of success. So the average Italian thought the time might be come to aim up and take on the politicians, but the anger against the caste did Continua a leggere...

Leggi tutto
Il tram numero 3

Il tram numero 3

tram3-586x391

La ragazza seduta davanti a me armeggia a lungo col cellulare.
Scrive,
legge,
cancella.
Scrive ancora, e poi cancella di nuovo.
Non trova pace.
Io sono in piedi e mi reggo per mantenere l’equilibrio, mentre il tram numero 3 prosegue a scossoni la sua corsa dalla periferia sud al centro di Milano. Dietro, un gruppo di rumorosi adolescenti. Hanno tutti l’accento Continua a leggere...

Leggi tutto

«Piove, clandestino ladro!»

italiano medio

In origine c’erano i terroni, mangiapane a tradimento e rovina della nazione. Poi fu la volta dei cinesi, ma i cinesi c’avevano i soldi, aprivano attività commerciali, facevano vita separata: erano troppo potenti per poter essere attaccati con una ragionevole possibilità di successo. Così l’italiano medio pensò che fosse venuto il momento di alzare il tiro e puntò i politici, Continua a leggere...

Leggi tutto
Se non scrivessi sarei morto da tempo

Se non scrivessi sarei morto da tempo

tastierista

Scrivo perché altrimenti sarei morto da tempo. Potrei iniziare così, ma poi rileggendomi mi verrebbe da ridere perché sono comunque una persona profondamente autoironica. Così in profondità che a volte me ne dimentico e mi prendo fin troppo sul serio. Allora potrei dire invece che scrivo perché mi piace. Ma nemmeno questo è vero fino in fondo, perché molte delle volte che ho scritto Continua a leggere...

Leggi tutto
The Camorra is a pile of shit and the series Gomorrah is an ad for the Camorra

The Camorra is a pile of shit and the series Gomorrah is an ad for the Camorra

Roberto Saviano

I lose my patience, when my nephew answers the phone with the umpteenth phrase from the series Gomorrah. I thank the three thousand kilometers which separate London from Salento that my rage has no repercussions worse than the dressing down he has coming. He is not even thirteen, he comes from an honest working-class family, he works hard at school, he plays football well. A normal child who Continua a leggere...

Leggi tutto
La camorra è una montagna di merda e la serie Gomorra è uno spot alla camorra

La camorra è una montagna di merda e la serie Gomorra è uno spot alla camorra

Roberto Saviano

Perdo la pazienza, quando mio nipote mi risponde al telefono con l’ennesima frase della serie Gomorra. Deve ringraziare i tremila chilometri che separano Londra dal Salento perché la mia incazzatura non abbia ripercussioni ben più materiali del cazziatone che pur gli arriva. Non ha nemmeno tredici anni, viene da una onesta famiglia di origini popolari, a scuola se la cava bene, gioca Continua a leggere...

Leggi tutto

Per aiutarli a casa loro dovremmo fare una rivoluzione a casa nostra

sbarchi migranti

Rimpatrio forzato ed espulsioni, è questa l’ultima ricetta salviniana di Beppe Grillo sui migranti. E se fossi un attivista del movimento 5 stelle, ovvero di chi ha votato per l’abolizione del reato di clandestinità, mi incazzerei non poco di fronte a queste uscite a gamba tesa, puntualmente in contrapposizione con le decisioni prese dalla maggioranza. Mi sembra di sentire l’eco Continua a leggere...

Leggi tutto

Categorie